Tag Archives: Everest campo base

Ricordi dal 2008

Ciao Amici,

prima considerazione: ma nel 2008, esattamente 10 fa, quel satanasso del mio socio cosa mi portava a fare e senza sta menata dell’ossigeno e sherpa annessi?

Quanto forti eravamo lasciatemelo dire! Ma sopratutto che fortuna che ho avuto o, se meglio credete, che bestia di angelo custode ho, da essere sceso da dove sono sceso, assolutamente non lucido e praticamente illeso, a parte le 3 dita che tanto prima o poi mi vado a riprendere!

Marco, lo Zaffa, Zaffaroni

Al Campo Base si ammazza il tempo e si fanno le trecce

Ciao Amici,

eccomi ancora al Campo Base a bighellonare, mentre Tendin e gli altri sherpa stanno andando al Campo 3 e al Campo 4 a depositare ossigeno e i vari materiali.

Ho fatto una passeggiata poco fa, più che un campo base per alpinisti ormai sembra una colonia, o un campeggio degli scout. Quegli spaghi che delimitano le zone off limit non riesco proprio a sopportarli.

A questi mancano solo la bandiera dell’Inter e quella dei pirati e poi ce le hanno davvero tutte.

Io lo so che i ventenni non li devi ascoltare, sono dodici giorni ormai che ho messo radici nel campo più sgarrupato di tutti, per ascoltare lo Sherpino:

aspettiamo aspettiamo tu sei forte,

col c….! Andavamo a fare il nostro giro al Campo 3, avevamo tutto il tempo e io ero bello tranquillo.

Invece ora lui se ne è andato a montare e portare il materiale al Campo 4 e io sono qua a combattere la noia con i miei libri, però mi consola sapere che quando tornerà partiremo per un tentativo.

Qui altro che far muffa e acari, mi esercito con la treccia:

Arrischiare, ma Bistari Bistari

Ciao Amici,

prima di tutto spieghiamo per i 2 o 3 che sono veramente interessati, in quanto alpinisti, ai miei programmi.

In quota tira vento e tutte le spedizioni leader sono al base, quando si muoveranno sarà per la cima, io cerco di stargli insieme, se va va…

Al limite faccio acclimatazione e mi resta almeno un altro tentativo, non ho assolutamente voglia di andare al 3 e scendere mentre questi salgono. Per tentare poi solo e non avere tempo per un secondo tentativo.

Come diceva Sir Edmund Arrischiare… come dico io, ok arischiare, ma bistari bistari.

Comunque per ammazzare il tempo e rimanere in allenamento ho pensato di organizzare una gara podistica, la DJten Everest Base Camp (il tutto chiaramente all’insaputa del Maiolo e del Linus).

Pensate l’assonanza il vincitore si chiama TENdin Sherpa (nome comosciuto?) e guardate che foto da campione!

Fate i belli!

Marco, lo Zaffa, Zaffaroni

Vento in quota

Ciao Amici,

io il mio zainetto l’ho preparato e anche Tendi è pronto. Ora se ne è andato a sentire un po’ radio Base, per capire se andare o aspettare un altro giorno (noiaaaaaa).

Ma visto la stupenda giornata primaverile ne ho approfittato per fare un bel giro esplorativo del base, e ho osservato chorten per la pujia di queste due spedizioni commerciali.

Buon Gesù ragazzi, lo so io che non sono abbastanza tecnico e preciso in queste cose, e non dico mai la quota in cui sono.

Ma dal momento che c’è un campo base approssimativamente a 5400 un c1 a 6000 un 2 a 6400 un 3 a oltre 7000 un 4 a 8000 e in teoria salgo e scendo da i primi 3 campi per acclimatarmi, non è la quota attuale la cosa importante, la cosa importante sarà quando farò il primo tentativo di vetta ed una sola e unica quota, quella della cima 8848, ok gitante, ma io sono qui per gli 8848 le altre quote le considero un fallimento.

Ultimi aggiornamenti, oggi saremo ancora qui a pirlare, troppo vento in quota!

Marco, lo Zaffa, Zaffaroni

Il programma dei prossimi giorni e i bei tempi andati

Ciao Amici,

oggi sono “da mala anuida” (citazione in laghe antico chiedere a mia sorella per traduzione) quindi zero foto,

Ma cari Amici ecco il programma per le prossime escursioni: domani doccia, il 6/5 campo 2, il 7/5 campo 3 dove faremo la nanna, l’8/5 rientro a campo 2 e lì decidiamo se rientrare al campo base o aspettare le mosse delle spedizioni dei fenomeni e nel caso accodarci per un primo tentativo, visto che inizia il giro userò termine ciclistico: vedo se è il caso di mettermi in scia e cicciare la gomma.

Io i miei infiniti limiti li conosco bene.

Da casa mi giungono notizie di screzi tra grosse spedizioni commerciali, giuro io nella mia tana non mi accorgo di niente

Certo i tempi sono cambiati, che nostalgia di quelle tende men trasformate in osterie con le malboro sul tavolo e grappa a fiumi dove si giocava a carte e si cantava fino a tardi, va bhé sono un bache!!!

Ribadisco per chi non mi conosce che sono astemio e ho smesso di fumare 30 anni fa, ma quella era la mia gente che amava e rispettava la montagna. Oggi, fra Disneyland e Everest, non c’è molta differenza per questi qua.

Fate i belli,

Marco, lo Zaffa, Zaffaroni

Film e “nonni” più un saluto speciale

Ciao Amici,

Ma secondo voi, se sei praticamente a digiuno di Himalaysmo e sei al CB della montagna più alta del mondo pensando di salirla, che film vai a guardare? Everest!

Non posso scrivere come vorrei definirti perché ci sono dei bambini piccoli che mi seguono ma sei proprio un grandissimo c…

Come diceva il Giacomo al terzo morto ammazzato di un film “ma fam vede un bel film di don biot“, e non perché era uno sporcaccione ma era davvero un non violento dentro.

Nota di colore gli sherpa hanno cominciato a chiamarmi Bache, che porca miseria, tradotto vuol dire Nonno.

Ha voglia adesso Karki ad arrampicarsi sugli specchi dicendo che per loro è un aggettivo legato al rispetto e alla saggezza, sono vecchio c…

Comunque zaffa Bache non suonerebbe neppure male ma devono passare almeno 45/50 anni… Almeno!

Vabbé dai, vado in branda con la bul dell’acqua calda come la nona.

A proposito! Mando un salutone alla 4a della Scuola Primaria Statale “Pia Albini Crespi” di Fiorano al Serio, siamo amici uguale anche se la bandiera non l’ho portata?

Fate i belli,

Marco, lo Zaffa, Zaffaroni

Libri e ramponi

Ciao Amici,

merendina e lettura più consona ai miei gusti come potete vedere dal report fotografico:

Bello eh Angeli e Demoni, ma non è roba per me. Io leggo qualcosa che mi dia insegnamento o storie in cui mi possa immedesimare. E qui diventa complessa la cosa, usando la scala di giudizio del Giacomo: al ga di gran bei bal quel li

No dai, comunque la voglia di andare a Roma a vedere qualche statua sto libro me l’ha fatta venire.

Ma torniamo a noi, i ramponi sono stati “sequestrati” dagli sherpa, ma so già come finisce, tornano come prima. Ma poco male, uso quelli di riserva o esco dalla tana e vado a bussare a qualche altra spedizione, magari americana visto che ce li hanno di sicuro, anche se la mettono sempre giù di un duro…

Per la cronaca Radio Karki dice che ci sono due spedizioni completamente al femminile, una nepalese e una americana.

Fate i bravi,

Marco, lo Zaffa, Zaffaroni

Campo Base, 1, 2 e quasi 3

Ciao Amici,

ecco un piccolo riassunto di quello che è successo negli ultimi giorni:

il 27 ci siamo infilati nell’Ice Fall che a onor del vero sembra meno impressionante degli anni scorsi, ma comunque di una pericolosità oggettiva elevata con le sue scalette in alluminio e le risalite iperboliche col giumar.

Arrivati al Campo 1 abbiamo montato la tenda, lo sherpino è andato ad approntare il Campo 2 mentre io ho aspettato il resto della carovana.

Arrivano tutti in ordine sparso, facciamo acqua e prepariamo da mangiare. La notte bacchetto un po’ dal freddo, un materassino piccolo con il fatto che sono da solo nella tenda forse non è abbastanza.

Al mattino il resto dei pellegrini si incammina, io attendo il ritorno di Tendi come da accordo. Visto che la cosa si fa lunga smonto la tenda aiutato da Nima, lo sherpa di Giuseppe nel 2008 e nel tragico 2009.

Mi metto in moto e incrocio con Tendi l’unico passaggio tecnico. Fatica e noia a mazzi, ma arriviamo comunque belli pimpanti all’ultima cappella della nostra via crucis,tant’è che mi mangio un bel dal bat!

Proviamo quindi a fare una toccata e fuga al Campo 3, ma Tendi dopo un’ora mi dice di avere un problema agli occhi, quindi ci giriamo e torniamo giù.

Mica che a metà dell’Ice Fall mi si rompe un rampone, Tendi mi vuole dare uno dei suoi… “e no bello, mica li puoi fare tutti tu i personaggi della fiaba, oggi tocca a te il gatto, a me la volpe!“.

Quindi ora il problema restano i ramponi, avessi qui il mio socio Ciccio MacGyver, ma con mio grande dispiacere insiste nel dire che l’alpinismo non è una cosa sua.

Fate i bravi!

Marco, lo Zaffa, Zaffaroni

Siamo al Campo Base dell’Everest

Ciao Amici,

sono arrivato al Campo Base, come avrete già visto dalle prime foto sulla pagina Facebook: Everest in stile gitante.

Ora cerco di tirarmi insieme e riordinare i miei fidati bidoni e organizzare così i materiali da scalata, le cibarie (l’alimentazione è fondamentale) e i libri (anche questi ricoprono un ruolo fondamentale durante la preparazione).

Certo che mi sembra proprio di essere in una delle famose barzellette di Pierino: io con un polacco, un iraniano, un’indiana, un manipolo di nepalesi e sherpa!

Comunque, una volta arrivato al base il tempo si è girato al brutto, e dopo aver pranzato con gli altri personaggi della barzelletta e aver fatto un po’ di ordine, ora mi consolo con le vettovaglie portate da casa: cappuccio nescafé e biscotti all’avena rubati alla Giulietta, arrivati clamorosamente in condizioni perfette, e chiaramente leggendo un buon libro.

Marco, lo Zaffa, Zaffaroni